luglio 15, 2013

Screen As A Torch

Qualche mese fa, ho iniziato a spulciare il mondo Android.
In un post successivo esprimerò il mio parere su quanto sia facile o meno sviluppare per questa piattaforma, ma il motivo per cui scrivo questo post è per raccontarvi come ho realizzato la app Screen As A Torch.


Si tratta di una torcia che ho realizzato per me, dato che la mattina, quando passeggiavo per la camera, non potendo accender la luce per non svegliare la mia compagna, avevo un "faro" che era un po' troppo esagerato per le mie necessità e la mia compagna si svegliava comunque. Allo stesso tempo, se dovevo cercare qualcosa in un cassetto, quella luce era quello di cui avevo bisogno.

Ho cercato una app che mi desse la possibilità di avere intensità diverse di luce, ma dopo 3-4 installazioni ho capito che facevo prima a farmela per conto mio.
Avendo da poco finito di leggere il libro The Lean Startup, mi son "messo sotto"!

Per fare la app avevo in mente due aspetti:
  1. doveva esser sviluppata in TDD
  2. dovevo tentar di seguire le indicazioni del testo The Lean Startup
Sul 1. punto non ho avuto grossi problemi se non quelli dovuti alle modalità da utilizzare per testare le Activity.
Sul 2. invece si trattava di un aspetto completamente nuovo per me.
Qui non faccio il riassunto del libro e non dò neanche una breve descrizione.
Dovete assolutamente leggerlo.

Per prima cosa ho creato un MVP (minimum viable product) che avesse solo la funzionalità che mancava al software più scaricato su Android per le torcie Torcia: quindi una luce di media intensità ed una alla massima intensità.

Inizialmente ho deciso che per switch-are l'intensità di luce bastava tener premuto lo schermo (long click).
L'ho sviluppato e pubblicato in un weekend. E' veramente divertente vedere i test che vengono eseguiti sul proprio cellulare attaccato via USB al PC. Non l'ho pubblicizzato in giro, perchè volevo capire come si muove il popolo Android in modo autonomo.

Il mese successivo ho aggiunto la funzionalità di shake: era in effetti scomodo attivare la luce alla massima intensità tenendo premuto lo schermo, dato che questo è rivolto solitamente verso il punto da illuminare.
Consentire il passaggio alla massima intensità di luce, semplicemente scuotendo il dispositivo sembrava la soluzione migliore. Purtroppo questa modifica non ha prodotto un aumento di installazioni... e pensare che avevo cominciato a dirlo a destra e manca :)



L'altro giorno, ho compreso che forse un punto che disturbava l'utente era che, mentre utilizzava l'applicazione, capitava che la luce si spegnesse solo per aver sfiorato lo schermo. Ho allora modificato la app ingrandendo il pulsante di "power", rendendolo visibile anche a schermo accesso ed accettando gli "input" solo se fatti su di lui.
Quel problema mi pare risolto, ma chissà come la prenderà il popolo Android?



Devo ammettere che mi son divertito molto a fare questa app ed è una cosa che suggerisco a tutte le persone a cui piace programmare. Mi son anche divertito a creare l'icona con Inkscape e a realizzare il video promozionale su YouTube.

Ed ora se cortesemente potreste scaricarmela e metter un bel 5 stars! :-D

Nessun commento:

Posta un commento